Voglio anch’io i pantaloni.

 
 

Stasera ho un leggero mal di testa. Da stress lavoro. Ho corso dietro i banchi della cucina come una matta. Eppure siamo in cinque. Il lavoro va bene e che i ” fannulloni “sono in aumento. Cioè. Ognuno fa il suo e più del suo non fa. E se per caso a me arrivano tante insalate, tra cui tutte diverse, e un piatto di Bruschetta, ed un piatto di aperitivo Italiano, che come lo facciamo noi, anche in Italia se lo sognano da quante cose ci metto in un piatto quadrato, e se mi arrivano anche quattro o cinque dessert assieme , tra gelati, tartufi, tiramisù e crepe della nonna, panna cotta, mousse e via dicendo. E se al cuoco Olivier e alla cuoca Cristina gli arrivano solo tre piatti di portata e al pizzaiolo solo cinque pizze. Indovinate chi corre come una matta, chi pulisce l’insalata se manca? E il bello che stanno li a guardarti tutti come degli ebeti che corro come una cretina e nessuno che chiede se hai bisogno. E fin qui va bene perché ognuno ha il suo posto di postazione e le sue mansioni in cucina e posso capire. Ma mentre corro cuochi che mi chiedono se gli passo i piatti fondi, se gli prendo la pasta nella cella, se il sugo , se il limone il pizzaiolo che mi chiede se gli taglio il prosciutto e se ho mozzarella da dargli, se tolgo la pizza dal forno e se e se…. Cioè è incredibile che mentre mi vedono che sto correndo come una cretina e loro devono aspettar prima di rimpiattare le insalate che vanno via, quindi diciamo che sono fermi , hanno anche la pretesa ogni sera di chiedermi anche altre cose. Dico proprio che se la pigliano comodo. E “Rosa..Rosa … Rosa . Non so quante volte lo sentirò ogni sera. Tutti che si sono fatti la pausa sigaretta, tutti che si sono bevuti un cappuccino, tutti calmi e sereni e l’unica che correva stasera e non indovinate chi è? Ed ad un certo punto che tutti che chiedevano e non vedevo l’ora alle 22, di fermarmi un momentino anche io e stavo finendo le mie comanda stavano ricominciando a chiedere. Mi sono tolta il grembiule, normalmente chiedo alla proprietaria se posso fermarmi cinque minuti, stavolta li ho guardati tutti male, mi sono messa giacca e guanti senza dir nulla , perché si muore dal freddo fuori al ristorante. E sono andata a fumarmi una sigaretta. Ma non è per la sigaretta in se, ma e’ il principio che invece di guardarmi addosso, ogni tanto potrebbero muoversi, invece di essere comodi e scaricare sugli altri le loro mansioni, per avere tutto bello pronto e il lavoro comodo. E quei cinque minuti di aria sono serviti senno sicura c’è stato un momento che li avrei sbranati tutti.

Ancora un mese intero di pieno lavoro. Vabbe, domani andrà meglio. Rainer mi ha detto che hanno preso quest’anno la tredicesima, l’anno scorso non l’avevano data causa crisi economica. Solo che a veder le sue due buste paghe, gli ho detto tesorino, per guadagnare quello che tu hai guadagnato questo mese, io devo sgobbar tre mesi interi.

Non è giusto. Voglio anch’io i pantaloni.

paillard
Lombatina di manzo ai ferri. In ricordo del ristorante di monsignore Paillard, a Parigi.

pavese
Durante la battaglia di Pavia (1525) Francesco I, re di Francia, bussò alla porta d’un casolare e fu rifocillato con una zuppa di brodo, uova crude, pane abbrustolito e formaggio: quel poco che quei poveri contadini avevano in casa.

Dom Périnon
Al frate benedettino Doni Pierre Pérignon, cellerario dell’abbazia di Hautvillers, si attribuisce il metodo di spumantizzazione del vino, mediante fermentazione in bottiglia. Egli scrisse di viticoltura e di enologia. La leggenda vuole che dopo aver assaggiato il “nuovo” vino, cioè lo champagne frutto dei suoi esperimenti, chiamasse i confratelli ed esclamasse: “Io sto bevendo le stelle”.
Morì nel 1715, lo stesso anno della morte del Re Sole.

 freezer

Mai metterci il vino.

https://i1.wp.com/www.mangiarebene.com/includes/showthumb.asp

Annunci

6 commenti to “Voglio anch’io i pantaloni.”

  1. Buona giornata Rosa,buona Immacolata ^__^

  2. Buongiorno Moka,la neve se sciolta, grazie.E’ l’immacolata oggi! Quanti ricordi. Grazie.

  3. Ciao Rosa!Anch’io non sopporto la gente che ti guarda mentre tu non ti fermi mai,cercano di vedere i tuoi limiti perchè sei l’ultima arrivata.E non puoi fare alzate di testa perchè il lavoro è prezioso.Però hai fatto bene a fermarti,comunque c’è un limite a tutto.Sono occupatissima anch’io in questo periodo,però ti leggo sempre!un bacione…a presto

    • Giorno cara Karma. Diciamo che più che guardare i miei limiti e fino a quanto arrivo, sono proprio dei fannulloni, io e Cristiana corriamo come due sceme in cucina , e loro vogliono tutto” comodo”più di impiattare e sfornare una pizza non fanno di più neanche sbucciarsi una cipolla credimi, e sono uomini e per categoria ed altro e tariffa tedesca si prendono i loro 1600 euro al mese, non contando le mancie alla faccia mia che faccio part-time, ma il doppio lavoro:-) Ecco perchè dico voglio i pantaloni.Per esempio..tutte le pizze devono essere tagliate prima di servirle, tranne quelle da portar via. Arriva il cameriere, due metri di uomo, bellissimo, vede che io corro, ed a volte anche gli altri corrono, ma mi guarda addosso” mentre io sono sempre quella che corro e che mi dice tranquillo , mentre a le mani attaccate insieme a non far nulla, “Me la tagli!” Sai cosa gli ho detto…tesoro, Dio a te le mani non te l’ha fatte?ahahha si sono messi tutti a ridere.E che devo anche star attenta perchè so che se do di più vogliono sempre di più con gli stessi soldi.Mha come in ogni lavoro, ci sono i ” fannulloni”:-)

  4. ma davvero tagliate le pizze prima di servirle?Questa non l’avevo mai sentita!E come mai??AH…ho capito!Prima il cliente si sbriga a mangiare e prima accomodate altra gente ai tavoli…sarà così?..

    • Si cara Karma tagliamo le pizze prima di servirle solo per una questione di ” praticità”..in che senso..molti clienti ci chiedevano dopo aver servito la pizza di averla tagliata e così ci ritornava il piatto in cucina … e se c’é tanto…e ritornano 15 piatti… è doppio lavoro per noi… quindi tagliamo ” ai bambini” la pizza così stanno buoni..perchè i clienti non hanno sempre ragione anche se pagano…Non esiste prima si sbriga ed accomodiamo altri..poiche il ristorante alle 16 ha già tutti i tavoli riservati fino a notte fonda..questo quasi tutti i giorni…e grazie a Dio me ne sono scappata stasera..gli altri sono ancora lì:-)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: