Treni da non perdere

Sono un miscuglio di incoerenza e confusione,gioia e tristezza,di paura e di coraggio,e ho tanta angoscia in me…La vita fila come al solito e poi,ad un certo punto, ti accorgi che stai correndo,correndo senza fermarti.Perchè fermarsi vorrebbe dire pensare e capire……che stai sbagliando tutto.In attesa del treno che non passa. Che non passa mai.”E’ questo continuo cambiare, modificare, apparire, scomparire, correre e fermarsi.
E’ questa fame di cose nuove, questa attesa invincibile, questa paura devastatrice.
E’ la voglia di avere e il desiderio di lasciarsi sfuggire.
Occasioni. Treni. Persone. E dire qui e adesso.

Domani o mai più.
Temere un abbraccio, anelare un ritorno, rimediare a un errore.
Ciò che si perde, ciò che si ottiene (…).

Sono un miscuglio di incoerenza e confusione,gioia e tristezza,di paura e di coraggio,e ho tanta angoscia in me…La vita fila come al solito e poi,ad un certo punto, ti accorgi che stai correndo,correndo senza fermarti. Perchè fermarsi vorrebbe dire pensare e capire…In attesa del treno che non passa. Che non passa mai.”E’ questo continuo cambiare, modificare, apparire, scomparire, correre e fermarsi.
E’ questa fame di cose nuove, questa attesa invincibile, questa paura devastatrice.
E’ la voglia di avere e il desiderio di lasciarsi sfuggire.
Occasioni. Treni. Persone. E dire qui e adesso.
Domani o mai più.
Temere un abbraccio, anelare un ritorno, rimediare a un errore.
Ciò che si perde, ciò che si ottiene (…).
Potessi farlo prenderei il primo treno che passa da questa città e ci salirei sopra, per poi scendere e prenderne un altro e un altro ancora.
Incrociare la vita con l’insonne popolo dei pendolari per condividere un breve tratto di strada e poi lasciarmeli alle spalle, loro, gli orari fissi, i cartellini timbrati, gli intervali per il caffè e per il pranzo (…).
Attraversare la strada e proseguire.
Senza voltarsi, che a contare non è ciò che ci lasciamo alle spalle.”
(L’una dell’altra – B.Garlaschelli – pg. 106/107

Annunci

2 commenti to “Treni da non perdere”

  1. Frenesia e inquietudine… motivi conduttori di esistenze al galoppo, per non fermarsi, appunto, per non pensare. Per non guardarsi dentro e non correre il rischio di non riconoscersi. Con l’ansia spasmodica di prendere tutto quello che ci serve prima che sia tardi. Con la fretta, a volte insana, di abbandonare un passato che potrebbe insegnarci molto bene quali strade scegliere per arrivare al futuro. E se dobbiamo proprio attraversare la strada… facciamolo sulle strisce pedonali 🙂 UN caro abbraccio. Giancarlo

  2. Viviamo tutti così… È il sentimento di tutti!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: