Ricordi un po’ cosi.

Pensavo che sono strana. Che sono strana lo sapete già da soli. Parlo perfettamente l’Italiano ed il Tedesco, ma sembra che ste due lingue si litigano nel mio cervello. Nello scrivere  dimentico. Però ho una facoltà sviluppata, che molti non hanno, quando leggo qualcosa mi capità spesso di conoscere un po’ una persona, riesco a dire se un post è fatto bene, se una sciocchezza, credetemi non lo considera nessuno, idem la musica ed i film… Non so come si possa chiamare questa capacità di trovare  gente  geniale, preparata, gentile..forse perchè vorrei io essere cosi?  Ma poi c’é i contro sono la calamità dei troll, come la calamità dei geni. Una contra-posizione strana direi. Da ragazzina andavo matta, per i racconti di Edgar Allan  Poe..a volte penso che ho una capacità che altri non hanno. Non so se ha un nome, ma di sicuro ho sensibilità percetive..tipo so quando qualcuno è morto… Guardando una foto, anche se non ho visioni medium, ma non mi vanto e non mi va di parlarne e non vedo fantasmi, ne vedo il futuro, ne vedo madonne,  so se arriva un temporale, se viene vento e se piove, so quando mi arriva un ospite inaspettato e so quando sta accadendo qualcosa di grave  nella mia famiglia. Vi racconto qualcosa che non ho mai raccontato a nessuno qui.  A  Dicembre del 2006, Georg era nelle sue peggior  condizioni, si nutriva di sondina allo stomaco, e liquidi, perchè il tumore all’ esogafo ormai non lo faceva più inghiottire bene, gli frullavo tutto. Era ormai uno scheletro un uomo di 100 kg , in quattro mesi  era diventato un vero scheletro.Vivevamo in una villetta, con un giardino, isolata dal paese. E le medicine che prendeva tra forti oppiacei e morfina, ormai da noi era un avanti e indietro di infermieri e dottori, dal dormiva tutto il di, dall’urlava tutto il di,  dal camminare come un legno senza ossa ormai con il cappello di lana che gli mettevo, e il viso ormai che non riconoscevo più… Allora mi diceva …quando stava molto male..Urlava..Mandala via! Io cosa devo mandar via! La bambina! Continuava a dire..Vedi che lí urlava ..la vedi…! Credetemi non vedevo nulla..e pensavo sarà la morfina. Fin che ha Urlato ..Non mi credi Rosa e li che guarda, mandala via!Ho preso il suo cellulare e ho fotografato… quello che ho visto dopo..Ho avuto paura. Ho dovuto chiamar il pscologo che ci preparava a tutti due ad  Georg a passar la morte ed a me non averne paura. Voi credete ai fantasmi? Angeli?

Questo era mio marito Georg…se non sbaglio questa foto era del 2002 eravamo in uno Chalet ad umbriaccarci con Amici era Natale. Ecco è la prima volta  che metto una sua foto che vi parlo e parlo di Georg si , ma non vi ho fatto mai vedere una sua foto..

La foto invece sotto  è stata scattata da Coleen Banton, una donna nativa di Charlotte, nello stato americano del North Carolina.

Coleen ha passato giorni terribili a causa della malattia della figlia Chelsea, ricoverata d’urgenza a causa di una infezione acuta polmonare.  Appena giunta nel reparto, la ragazza, quindicenne, è stata indotta in coma farmacologico, e attaccata alla macchina per la ventilazione. Dopo alcuni giorni di agonia e di apparenti inutili cure, i genitori di Chelsea erano alle prese con la drammatica decisione di provare a staccare la ragazza dalla macchina, con possibili conseguenze letali.

In quelle circostanze rimasta ad un certo punto da sola nella stanza, la mamma ha notato nel monitor delle telecamere a circuito chiuso, una immagine brillante e stranissima, che sembrava essersi materializzata direttamente dalla parete della infermeria, ed  è quella che vedete nella foto. Ha subito realizzato due fotografie, la prima – dice – non è venuta. La seconda, è quella che vedete in alto.

Poco dopo questa “apparizione”, la ragazzina, la figlia di Coleen si sarebbe risvegliata dal coma. E qualche giorno dopo è stata anche dimessa dall’ospedale per trascorrere il giorno del suo 15mo compleanno a casa.

Annunci

5 commenti to “Ricordi un po’ cosi.”

  1. ciao Rosa ci sono cose che non hanno spiegazioni almeno possibili…. ma succedono..
    ma che hai fatto in questa tua casa….hai rimodificato tutto???
    beh…le donne fanno sempre cambiamenti quando nell’aria c’è qualcosa…..
    Buon segno speriamo sia positivo..
    Patrizia

  2. Eccomi qua. Sono impegnata con il lavoro ma ci sono. Leggerti mi ha fatto venire i brividi. Tesoro ti abbraccio, soprattutto oggi.

  3. Hai vissuto una vita molto dura Rosa, trroppo giovane e troppo provata, e con la tua sensibilità spiccata, non mi meraviglia che tu riesca a percepire situazioni ed eventi futuri o lontani, che ad altri sfuggono. Sicuramente esistono menifestazioni extrasensoriali che definire ed indentificare non è assolutamente facile e anche pericoloso. E anche se credo che la foto documenti solo luci che in maniera bizzarra si riflettono, come quelle dei neon, sul pavimento, credo che sia tutto possibile e tutto da considerare.
    “Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia.” (William Shakespeare)… Ed è una grande verità! 🙂 Un caro abbraccio. Giancarlo

  4. Io……io…..non so che dire, ma a certe cose ci credo. Io non vedo cos, ma una volta le sognavo…..ora forse non ne sono più degna.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: