Urla e reagisci.

La rabbia puo’ scaturire da tante cose . Ma la rabbia trattenuta credetemi fa più male di quella liberata. A volte le nostre giornate iniziano male , o perchè non vanno come vogliamo , o perchè ci aspettiamo cose che inutile aspettarci, allora si da la colpa agli altri delle nostre giornate nere, sole, ed infelici, ed allora devono anche gli altri  vivere la nostra infelicità,  per forza con noi ed allora si creano maschere che alla fine  esiste gente che  ci mostrano solo la loro ” debolezza” ed invece di chiedere un semplice” Mi aiuti”, si  fanno  prendere dall’orgoglio e  si domandandano invidiosi..perchè agli altri va sempre bene tutto ed  a noi  no. E con straffottaggine iniziamo a scaricare i loro malesseri sugli altri, per sentirsi meglio, per sentirsi che forse la loro vita diventa migliore, ma alla fine è sempre  lì la verita chiuso il Pc e l’anonimato. Si ritorna nella loro realta. Soli , infelici e tristi. Ecco le persone che trattengono la rabbia, con i propri mariti, con il loro vivere male, con la loro mal quotidianità, senza reagire, senza far nulla per scaricare la loro tensione di vita, sneza reazione , diventano i miglior sfoghiamo su gli altri, perché  non si è capaci di  urlare  a se stessi che  non si va bene di  come  si vive, si preferisce urlarlo agli altri il proprio malessere scaricando le proprie tensioni, meglio gli estranei, che nostro marito, figli e famiglia dire cosa non ci va bene. Io avrei preferito un “mi aiuti” che  calci, avrei capito di più e avrei aiutato. Ma mai sfogare la rabbia con chi non ci ha fatto nulla. Perchè allora nessuno ti aiuta, ma ti si chiudono solo porte..

Consiglio per queste persone…Una volta nella mia vita non mi sentivo bene, mi sentivo come incatenata avevo nenche 16 anni, non avevo famiglia, vivevo in orfanatrofio, non avevo nulla che una camera come un carcere, nulla di nulla, non mi andava bene come vivevo eppure mi accomodavo e ed ero anche ” aggressiva ” con gli altri, perchè non tiravo fuori la rabbia… allora un amico mi disse “Urla e reagisci” Urla e reagisci..ricordo quel giorno corsi in una salita del Parco sempione ed alla fine guardando la citta Urlai a sguargiacola..da allora ho imparato che trattener la rabbia fa più male che  sfogarla. Un mese dopo, con uno zaino e pochi soldi ero  a vivere da sola e mantenermi..iniziando a lavare i piatti in una bettola di Trattoria, e vivendo in buco di casa, dove non avevo riscaldamento, ne acqua calda, e vissi tre anni con geloni ai piedi , e mangiai per  un anno, riso e verdura, e verdura e riso, perchè non avevo altri soldi per vivere..In sintesi se non ci piace il nostro modo di vivere.Urla e reagisci… ma non con gli altri, con se stessi.. E si tu mi dirai.. eri giovane..Palle si ricomincia sempre..questo il mio motto, in ogni situazione, si ricomincia sempre.. ed urla e reagisci e non stare impallata.. a guadarmi invece adosso che il tempo passa.

Buona fortuna.


Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: